Popolazione Evolutiva
Popolazione Evolutiva: i nostri prodotti
Popolazione evolutiva: la storia

Nel 2009, presso I’ICARDA in Siria, grazie a una grande banca del germoplasma e a tre programmi internazionali di miglioramento genetico con migliaia di linee in selezione, il genetista Salvatore Ceccarelli lavorò alla costituzione, tra le altre, di una popolazione di  grano tenero con 2000 varietà diverse di frumenti. Queste popolazioni sono state costituite con l’obiettivo di fornire agli agricoltori materiali che contenessero la maggiore diversità possibile in grado di cambiare nel tempo e adattarsi ad ambienti molto differenti. Infatti, quando nel campo si semina una popolazione, tra le piante avvengono sempre incroci naturali e i semi che si raccolgono non sono mai geneticamente identici a quelli seminati, quindi una popolazione evolve grazie alla selezione naturale, e si adatta, anno dopo anno, all’ambiente in cui viene coltivata, al tipo di terreno e alle tecniche agronomiche. La popolazione evolutiva di grani teneri è arrivata in Italia nel 2010 e grazie al progetto europeo SOLIBAM- Una piccola quantità di seme (23 kg) è stata data a tre agricoltori in altrettante regioni. Nel tempo il lavoro è stato seguito e preso in carico da Rete Semi Rurali che dal 2012 lo continua grazie a diversi progetti europei, tra cui quello in corso attualmente e a cui partecipa anche la nostra azienda “Cereali resilienti”. Il progetto ha lo scopo di approfondire la conoscenza e lo studio del comportamento della popolazione evolutiva in diversi ambienti della Toscana (pianura, montagna, collina, costa), e le sue caratteristiche nutrizionali.

 

Il campo di Popolazione Evolutiva ha in sé le radici antiche di Madre Natura e insieme qualcosa di rivoluzionario. Oggi spesso mangiamo cibo standardizzato, i campi di grano che vediamo sono uniformi e uguali. Ma è la diversità che crea la bellezza, la ricchezza e l'armonia del nostro corpo e della nostra Anima.

E della Terra su cui viviamo.

 

(da https://salvatorececcarelli.wordpress.com/2017/06/25/diffusione-ed-evoluzione-di-popolazioni-e-miscugli-di-cereali-in-italia-la-biodiversita-torna-nei-campi-2/

Popolazione evolutiva: le caratteristiche nutrizionali

La grande varietà genetica della popolazione evolutiva si riflette in una grande varietà nutritiva e di glutini, che rendono la farina ricca di nutrienti, ottimamente lavorabile, con una buona lievitazione, e al contempo estremamente digeribile anche per chi mostra intolleranze al glutine. Si è constatato, inoltre, un rilascio più lento degli amidi, cosa che influisce positivamente sul picco glicemico post-prandiale, rendendolo meno intenso e più lungo. In questo modo si verificano meno facilmente attacchi di fame e si facilita il lavoro dell'insulina prevenendo fenomeni di eccessivo accumulo di zuccheri nel sangue.

Popolazione evolutiva: utilizzo

Pane, pizza, pasta fresca, focacce, torte, biscotteria. Adatta a qualsiasi impasto e lievitato dolce e salato.